Monday, November 10, 2014


Alla Mostra Sorella Marilyn ospite a sorpresa il noto fumettista Giuseppe Palumbo
Alla Mostra Sorella Marilyn ospite a sorpresa il noto fumettista Giuseppe Palumbo
Giuseppe Palumbo
Torna a Città di Castello a far visita agli “Amici del Fumetto” il noto fumettista Giuseppe Palumbo, storico disegnatore di Diabolik, popolare fumetto tra i più giovani. Il disegnatore, che tra le altre cose realizzò nel 2005 l’avventura “Colpo a Città di Castello” stampata in occasione della mostra dedicata al famoso ladro, sarà ospite dell’esposizione “Sorella Marilyn” nel pomeriggio di sabato 8 novembre e nella mattinata di domenica 9 novembre, e resterà per qualche ora a disposizione per disegni e dediche.

Nella mattinata di sabato 8 novembre Palumbo incontrerà gli studenti del corso di Grafica e Comunicazione dell'istituto "Franchetti-Salviani" di Città di Castello. L'incontro s’inserisce nell'ambito di una serie di iniziative promossa dall'istituto per accrescere la collaborazione con le realtà di riferimento del territorio, come l'associazione degli "Amici del Fumetto". L'iniziativa ha trovato il sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio di Città di Castello.

Giuseppe Palumbo, disegnatore e sceneggiatore, vive e lavora a Bologna. Dopo alcune esperienze giovanili approda a Milano nel 1990 alla Scuola del fumetto. Nel 1994 comincia a lavorare al personaggio di Martin Mystère. Nel 2001, insieme ad Alfredo Castelli, ridà vita al numero uno di Diabolik, pubblicato da Astorina, con la quale continuerà a lavorare, collaborando contemporaneamente con altre case Editrici (Rizzoli, Comma 22, BD Edizioni). Proficua la collaborazione con l’associazione “Amici del Fumetto” di Città di Castello per la quale ha eseguito sceneggiatura e disegni di “Otto Regine”, pubblicazione a fumetto realizzata con la Provincia di Perugia che racconta la storia della costituzione della Provincia di Perugia e “La donna nel Risorgimento”, pubblicazione nata in collaborazione con il Museo Italiano del Fumetto di Lucca, volumi pubblicati per celebrare i 150 anni dell’unità d’Italia.

No comments: